Amici delle Seimiglia
Associazione culturale senza scopo di lucro

 

Home Appuntamenti Territorio Gallery I Nostri Amici Facebook

VERNACOLO

Per gli amanti della natura ecco una sezione da non perdere: piante ad alto fusto, arbusti, fiori, erbe, ecc... oltre agli animali che popolano le Seimiglia.

 

Piante ad alto fusto

a c f h i j l m o p q r s t u

 

Acer campestris (Loppio testuccio): Albero talvolta cespitoso, alto fino a 20 metri, con rami talvolta ad ali suberose, corteccia verde-bruna, foglie a lamina palmata, opache sopra e sotto, di 6/10 x 5/8 cm a 3/5 lobi in base cordata. Fiori in corimbi eretti, pubescenti che si formano insieme alle foglie. Samare con ali divergenti a 180 gradi. Utilizzato fino a pochi anni fà come sostegno per le viti nei filari. Presente in tutto il territorio, raro in alta montagna e zone aride. Fioritura in aprile-maggio.

 

Acer opulifolium (Chaix Loppo): Pianta alta fino a 20 metri, con foglie glabre o un po' più pelose sotto, a 3-5 lobi, peduncoli fiorali glabri, penduli; frutti con ali di 7-9 x 17-20 mm a lobi quasi paralleli. Boschi di latifoglie fino a 1000 metri: Diffusa prevalentemente in Piemonte, Liguria, Toscana, Emilia Romagna. Fioritura in aprile-maggio.

 

 

 

Acer platanoides (Acero riccio): Albero alto fino a 25 metri, con foglie glabre di 13-17 x 10-15 cm con picciolo lungo come la lamina, a cinque lobi terminanti in lingua sottile acuta. Fiori in corimbi eretti emessi prima delle foglie. Samare con ali divergenti quasi orizzontali. Diffusa in tutto il centro-nord Italia a partire da Lazio e Abruzzo fino ai 1300 metri slm. Fioritura in aprile-maggio.

 

 

Ailanthus altissima (Albero del Paradiso): Albero caducifoglio proveniente dalla Cina alto 8-15 metri con rami ombrellati, foglie fetide imparipennate opache lunghe 20-50 cm a 13-31 segmenti lanceolati di 2-4 x 5-7 cm irregolarmente dentati. Fiori in pannocchie di 10-20 cm verdastri a 5 petali, 10 stami. Frutto a samara rossastro. Coltivato e naturalizzato (molto invadente) fino agli 800 metri slm. Fioritura in maggio-giugno.

 

Alnus glutinosa (Ontano nero): Pianta alta fino a 25 metri, con corteccia verde-bruna, lucida, a gemme peduncolate, rami giovani e foglie vischiose, queste con picciolo di 1-2 cm e lamina obovata di 4-6 x 5-7 cm a denti grossolani, 7-8 nervi per lato. Fioritura invernale, amenti maschili penduli, i femminili ovoidei. Frutti a forma di piccola pigna. Boschi e cespuglieti ai lati di corsi d'acqua, fino agli 800 metri slm in tutto il territorio.

 

Arbutus unedo (Corbezzolo): Arbusto o piccolo albero alto fino a 10 metri, con fusto a scorza che si sfalda a scaglie sottili, foglie alterne ovato lanceolate seghettate ai margini, coriacee, verde scuro lucide sopra, verde pallido sotto. Fiori a grappolo apicale pendulo con corolla bianca a orciolo, classico delle ericacee, a cinque denti riflessi. Frutto a bacca sferica di 1-2,5 cm, tubercolata, rossa a maturità, a polpa gialla, commestibile. Fiorisce in ottobre-novembre, mentre i frutti maturano un anno dopo. Presente da Liguria-Toscana e Marche per tutto il centro e il sud, peninsulare e insulare.

 

Carpinus betulus (Carpino bianco): Pianta da cesp. a piccolo albero alto fino a 15 metri. Fusti principali con corteccia bruno-grigiastra, liscia, rami giovani bruno-rossastri, foglie con picciolo di 1 cm e lamina ellittica, verdi opache, finemente seghettate al margine, di 35-45 x 70-80 mm. Amenti maschili penduli, i femminili terminali con stimmi rossi, in seguito formanti una infruttescenza pendula. Seme piniforme all'ascella di una brattea trilobata lunga 2-3 cm. Diffusa in tutto il territorio escluse le isole. Fioritura in aprile-maggio.

 

Castanea sativa (Castagno): Albero alto 10-25 metri con corteccia grigio-bruna che si fessura in verticale sempre più profondamente con l'età. Foglie alterne da ellittico-lineari a strettamente oblanceolate di 9-11 x 18-22 cm seghettate in corrispondenza delle nervature secondarie. Fiori maschili bianco-giallicci in amenti ramificati lunghi 20-30 cm, i femminili in un piccolo cono verde peloso, dal quale escono soltanto gli stimmi bianchi dei tre ovuli. Fioritura in maggio-giugno. Frutto spinoso di 6-7 cm di diametro contenente 1-3 semi (castagne). Boschi su terreno acido fino ai 1000 metri slm su tutto il territorio.

 

Corylus avellana (Nocciolo): Pianta cespitosa raramente piccolo albero alta fino a 6 metri con corteccia grigio-bruna. Foglie con picciolo breve a lamina ellittica o subrotonda di 9-13 cm opache sopra e sotto, base cuneiforme, margine dentato. Amenti maschili giallo-oro, i femminili simili a gemme con stimmi purpurei. Frutti (nocciole) entro un guscio legnoso, riuniti a 2-5 avvolti da 2 brattee fogliacee sfrangiate. Cresce nel sottobosco di boschi di latifoglie fino ai 1700 metri slm. Fioritura in aprile-maggio.

 

Crategus monogyna (Biancospino): Arbusto o piccolo albero alto fino a 10 metri molto spinoso e di forma variabile, con foglie caduche molto variabili, a 3-7 lobi superficiali o profondi, interi o con pochi denti verso l'apice. Rami bruno-rossicci, poi grigi glabri, spine di 1-2 cm. Fiori di 8-15 mm, a petali bianchi o rosati ad uno stilo, fioritura marzo-aprile all'emissione delle foglie. Frutto di 6-9 mm, con un solo seme, colore da rosso vivo a rosso porpora, commestibile. Fusto con scorza che si desquama. Utilizzato per siepi e inselvatichito. Si trova su tutto il territorio da 0 a 800 metri slm.

 

 

Cupressus semprevirens: (Cipresso nero): Albero a portamento colonnare alto fino a 20 metri. Foglie squamiformi, ottuse, verde scuro, fittamente embriciate; fiori maschili gialli, i femminili verdi, coni ovali di 2-4 cm che maturano al secondo anno e cadono qualche anno dopo, formati da 9-13 squame legnose. Fioritura in aprile-maggio. Coltivato principalmente per ornamento e rimboschimenti.

 

 

Ficus carica (Fico comune): Pianta generalmente cespitosa alta fino a 10 metri a corteccia grigiastra, liscia. Foglie ruvide nella pagina superiore e pubescenti in quella inferiore, con picciolo di 3-6 cm a 3-5 lobi palmati, di 5-10 x 8-15 cm a contorno ovale, nervature emergenti, con base tronca o cuoriforme. I fiori maschili e femminili vengono emessi in tre generazioni che vanno dal mese di febbraio a novembre. Esistono due razze; la prima: Caprificus, produce fiori femminili e maschili brevistili in tutte e tre le generazioni senza frutto edule; la seconda: domestica con soli fiori femminili longistili sterili o fertili e frutto commestibile in tutte e tre le generazioni. Il frutto (fico, siconio) può essere bianco-giallastro o bruno-verdastro.

 

Fraxinus ornus (Frassino da manna/Orniello): Albero spesso cespitoso alto fino a 10 metri con corteccia scura compatta, rami opposti, foglie opposte imparipennate composte da 5-7-9 fogliole lanceolate o ellittiche. Fiori in pannocchie erette apicali a petali bianchi di 5-6 mm, frutto samara ellittica di 4 x 20-25 mm con seme di 10 mm. Fioritura in aprile-maggio. E' diffuso in tutto il territorio fino ai 1400 metri slm.

 

 

 

Hedera helix (Edera): Pianta rampicante che può raggiungere i 20 metri di altezza, che attacca con radici aderenti, con fiori ermafroditi (tendenti all'unisessualità) in dense ombrelle semisferiche composte da 10-20 fiori di 3-5 mm a petali giallo-verdicci, prodotti soltanto dai fusti fertili che si arrampicano su rupi, muri e tronchi in buona luce. I fusti che strisciano in terra o che sono troppo all'ombra sono sterili e si riproducono per vegetazione. Foglie di due forme; nei fusti fertili ovato-appuntite intere, in quelli sterili poligonali o a 3-5 lobi con peduncolo più lungo della foglia. Frutto: bacca ovoide di 4-6 mm nerastra, tossica, matura in primavera. Fioritura in settembre-ottobre.

 

Ilex aquifolium: Pianta cespuglio o piccolo albero alta fino a 15 metri, con corteccia verde-bruno scuro, rami pubescenti, foglie alterne sempreverdi coriacee lucide, picciolo allargato, lamina ellittica con 6-8 spine acute per lato, fino ai 3 metri di altezza, poi inermi. Le spine fogliari in basso sono la difesa contro le brucature degli animali al pascolo. Fioritura in aprile-maggio, fiori maschili a corolla bianca orlata di rosso con stami e antere, i femminili a corolla pure bianca con ovario evidente. Frutto: drupa rossa sferica di 8-10 mm. Si trova nelle faggete dell'Appennino e della Sardegna.

 

Juglans regia (Noce comune): Albero alto 10-15 metri con foglie imparipennate ad odore fragrante, opache, con 5-9 fogliole crescenti dalla base verso l'apice. Amenti maschili penduli, i fiori femminili apicali ad ovario ben visibile con due stimmi arricciati. Frutto ovale epicarpo carnoso, endocarpo legnoso (guscio) e seme commestibile. Coltivato in tutto il territorio fino ai 1200 metri slm per il legno e per i frutti. Fioritura in aprile-maggio.

 

Laurus nobilis (Lauro o alloro): Cespuglio o piccolo albero alto 5-8 metri con foglie sempreverdi glabre sopra, opache sotto, alterne ellittiche di 2-4 x 6-10 cm, fiori in ombrelle ascellari su peduncolo di 1 cm gialli, i maschili con 8-12 stami, i femminili con 4 staminoidi e ovario supero; bacca ovoide nera di 1 cm. Cresce in tutto il territorio in posizioni soleggiate. Fioritura in aprile-maggio.

 

Malus sylvestris (Melo selvatico): Pianta alta fino a 10 metri, più o meno spinosa, con foglie glabre sopra e sotto, o appena pelosa sulle nervature sotto, arrotondate o cuneate alla base, un po' acuminate. Fiori bianchi o rosei di 3-4 cm in cime ombrelliformi, erette o laterali; frutto con diametro di 2-3 cm a sapore aspro-acido. Diffuso in tutto il Centro e il Sud, Sicilia compresa. E' la pianta da cui derivano tutti i meli coltivati.

 

Olea Sativa (Olivo): Cespuglio o alberello alto fino a 8 metri con corteccia grigia, foglie opposte chiare sotto, fiori bianchi in brevi pannocchie ascellari con corolla di 4-5 mm. Pianta molto longeva che può vivere anche 1000 anni. Fioritura in Maggio. E' coltivata su tutto il territorio escluso il Trentino Alto Adige.

 

 

Ostrya carpinifolia (Carpino Nero): Pianta cespitosa, raramente piccolo albero, alta fino a 10 metri con corteccia bruno-grigia liscia compatta. Foglie obovate acuminate seghettate al margine, opache, simmetriche alla base; 10-15 nervi per lato. Amenti maschili cilindrici verdi penduli, lunghi 4-6 cm; i femminili più corti, frutti con seme alla base interna di una brattea ovale di 6-9 mm. Fioritura in Aprile-Maggio. E' diffusa su tutto il territorio fino ai 1000 m slm.

 

Pinus Pinaster (Pino Marittimo): Da giovane ha portamento piramidale, poi ovato, alto fino a 25 metri. Corteccia rossastra nelle fessure, chioma verde-grigia, foglie di 15-20 cm rigide acute. Fioritura in Maggio-Giugno. Pigna piramidale-acuminata di 5-8 x 8-20 cm, matura al secondo anno. Diffuso in pendii e macchie in Toscana, Liguria, Sardegna.

 

 

 

Pinus Pinea (Pino domestico): Portamento a ombrello, può raggiungere i 25 metri di altezza. Foglie verde intenso di 1 x 80-120 mm, guaine lunghe 6 mm suberose rossastre. Fioritura in Maggio-Giugno. Pigne di color marrone più o meno scuro di 7-12 x 8-14 cm mature al terzo anno. Diffuso in pendii e macchie, ma anche lungo viali e parchi.

 

Platanus hybrida (Platano acerifolia): Albero alto 15-30 metri a fusto liscio con scorza che si stacca in placche sottili, foglie con picciolo di 3-5 cm a lamina palmata di 10-25 cm con 5 lobi ottusi. Capolini unisessuali su peduncolo di 3-5 cm pendulo, i femminili apicali, i maschili un po' prima. Utilizzato per alberature cittadine fiorisce in Aprile-Maggio.

 

 

 

Popolus alba (Pioppo bianco): Pianta alta fino a 30 metri con corteccia biancastra, rami ragnatelosi non viscosi bianchi. Foglie giovani lobate poi quasi intere, verdi scure sopra, biancolanose sotto, che si vedono molto bene quando regge il vento. Fiori in amenti di 8-10 cm i maschili prima porpora poi gialli, i femminili verdi. Cresce in terreni freschi e lungo i fiumi fino ai 1000 m slm in tutto il territorio. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

Prunus avium (Ciliegio selvatico): Pianta alta fino a 20 metri con foglie obovato-ellittiche lunghe 6-15 cm glabre sopra e sotto, un po' pelose e rugose da giovani. Fiori a petali bianchi con peduncolo di 3-5 cm in gruppi di 2-5 fiori. Frutto dolce o amaro con diametro di 1 cm nelle piante selvatiche. Diffuro fino ai 1000 m slm in tutto il territorio nazionale. Fioritura in Aprile. E' il padre di tutte le varietà coltivate.

 

Prunus domestica (Susino selvatico): Arbusto o piccolo albero alto fino a 10 metri con corteccia rosso-bruna. Foglie oblanceolate, fiori a petali bianchi con peduncolo di 5-20 mm, a 2-3 in gruppi isolati. Frutti da globosi a ovali con colori molto vari: rosso, nero-bluastro, bianco-rosato o giallo, tutti commestibili, variabili da pianta a pianta, in genere a facile separazione della polpa dal seme. Coltivato e inselvatichito. Fioritura in Marzo-Aprile. E' il padre di tutte le varietà coltivate.

 

Pyrus pyraster (Pero selvatico): Pianta con rametti spinosi alta fino a 6-12 metri; fiori a 5 petali generalmente bianchi lunghi 10-16 mm, peduncolo lungo 3-5 cm in gruppi di 3-8 fiori. Foglie da ellittiche a rotondeggianti, cuneate, più o meno distintamente cuoriformi alla base, glabre, talvolta anche da giovani. Frutto maturo duro e aspro, lungo non più di 3-4 cm da globoso ad allungato, edule da cotto. Fioritura in Aprile. E' il padre di tutti i peri coltivati.

 

Quercus cerris (Cerro): Albero a foglie verdi-opache sopra, più chiare sotto, caduche in autunno, a 6-8 lobi profondi per lato. Cupola del frutto a squame lesiniformi, lunghe 10-15 mm, maturo al secondo anno. Fiori femminili con peduncolo di 1-2 mm. Pianta alta fino a 30 metri diffusa in tutto il territorio fino ai 1500 m slm. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

 

Quercus ilex (Leccio): Pianta alta fino a 30 metri con foglie sempreverdi lanceolate o ellittiche intere o dentate, pubescenti sotto, coriacee scure e lucide sopra: Fiori femminili rossicci su peduncolo di 3-6 mm. Ghiande ovate con punta oblunga, avvolte per metà dalla cupola. Diffuso in tutta Italia e sull'Etna fino a 1800 m slm. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

 

Quercus peduncolata (Quercia): Albero che può raggiungere grandi dimensioni, alto fino a 30 metri; foglie sessili o a picciolo corto, più larghe nella seconda metà, glabre sopra, opache sotto; fiori femminili da rossicci a rossi su peduncolo lungo 4-6 cm, frutto su peduncolo lungo fino a 8 cm. Diffusa in tutto il territorio fino a 800 m slm. Fioritura in Aprile.

 

 

 

Robinia pseudoacacia (Acacia): Cespuglio o albero alto fino a 25 metri, con corteccia nel fusto fessurata verticalmente, foglie imparipennate caduche, composte da 13-15 fogliole ellittiche ad apice rotondo, chiare sotto; stipole trasformate in spine robuste. Fiori a corolla bianca di 15-20 mm con vessillo giallo alla base; legume di 1 x 6-10 cm appiattito, glabro. La Robinia è stata introdotta in Italia nel 1700, ora è completamente spontaneizzata in tutto il territorio. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

Salix caprea (Salicone): Pianta alta fino a 10 metri con foglie poco più lunghe che larghe, verdi sopra, cenerino-tomentose sotto, gemme glabre. Amenti floreali sessili, i maschili gialli corti, i femminili bianchicci, pedicello ovario più lungo della glandola. Presente in tutta Italia esclusa la Sardegna fino ai 1800 m slm. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

 

 

Sambucus negra (Sambuco nero): Piante cespitose o piccolo albero alto 4-8 metri con foglie opposte imparipennate composte da 5-7 fogliole ellittico-lanceolate, dentato-seghettate; infiorescenza ombrelliforme con numerosissimi fiori bianchi, profumati, fioriti in Aprile-Maggio, in corimbo composto di 15-25 cm di diametro. Frutti a drupa subsferica di 5-6 mm nero violacea, penduli a maturazione, eduli. Boschi freschi, schiarite, siepi, diffuso in tutto il territorio fino ai 1400 m slm. Con i fiori di sambuco si possono fare ottime frittelle dolci.

 

Sorbus domestica (Sorbo domestico): Piante alte fino a 10 metri con foglie composte seghettate al margine verdi opache sopra, più chiare sotto, fiori bianchi o rosei in corimbo, frutti piriformi o globosi di 20-25 mm, ottimi commestibili, corteccia liscia. Presente in tutto il territorio fino a 1000 m slm. Fioritura in Aprile.

 

 

Tilia cordata (Tiglio a foglia piccola): Cespuglio o albero alto fino a 20 metri con corteccia scura, a fessure verticali rossastre; foglie a lamina cuoriforme di 3-10 x 4-12 cm con base asimmetrica, margine seghettato, apice acuminato, verdi opache, pagina inferiore con ciuffi di peli rossi alle biforcazioni dei nervi. Fiori peduncolati in corimbi di 3-8 fiori, in cime oblique penduli, con ala membranacea di 2-8 cm. Frutto da ovale a sferico liscio. Diffuso in tutto il centro-nord in boschi aridi, con carpino e rovere fino a 1400 m slm. Fioritura in Aprile-Maggio.

 

Ulmus minor campestris: Pianta cespitosa o albero alto fino a 20 metri con corteccia che si desquama in piastre, in foglie ruvide ellitto-acuminate di 3-5 x 5-10 cm con picciolo di 2 mm, margine profondamente dentato, opache. Fiori sessili in ciuffi che precedono l'uscita delle foglie. Samare di 15-20 x 20-25 mm. Compare in tutto il territorio fino ai 1200 m slm. Fioritura in Aprile-Maggio.